Covid-19: cosa cambia per le separazioni ed i divorzi?

La pandemia, oltre ad aver stravolto il nostro modo di vivere, ha modificato anche i procedimenti in materia di famiglia.

Il Consiglio Nazionale Forense ha indicato delle linee guida per rendere i contenzioni più veloci e semplici.

La volontà è quella di definire in tempi brevi i rapporti pendenti, come separazioni e divorzi, garantendo però il distanziamento sociale e la salute di tutti

Vediamo insieme quali novità sono state introdotte:

1.  Ambito applicativo

I procedimenti che potranno essere trattati in modo più snello sono i seguenti:

  • separazione consensuale;
  • divorzio congiunto;
  • modifica delle condizioni di affidamento dei figli minori;
  • modifiche ai provvedimenti di separazione;

2. Trattazione scritta

Per garantire il distanziamento sociale sarà privilegiato il deposito di note scritte.

Tutti i documenti della separazione dovranno essere inviati al Giudice da remoto, cioè con modalità telematica.

Questo comporterà una semplificazione ed una maggior velocità nella gestione delle varie cause.

3. Udienze da remoto

Saranno preferite, ove necessario e possibile, le udienze da remoto tramite l’utilizzo di piattaforme apposite.

Le parti, i difensori ed i Giudici si collegheranno alla stessa ora per presenziare all’udienza da remoto.

Le parti si potranno collegare dalle proprie abitazioni,  senza doversi incontrare.

Inoltre una modalità di questo tipo permetterà di discutere problematiche delicate o spinose tra coniugi in modo più sereno e meno conflittuale.

4. Conciliazione non obbligatoria

Nei casi di separazioni o divorzi consensuali, non sara più obbligatorio il tentativo di conciliazione.

Il tentativo di conciliazione verrà sostituito da una dichiarazione di volontà sottoscritta dalle parti.

Questa novità garantirà una più celere gestione dell’udienza.

5. Negoziazione assistita

Anche le negoziazioni assistite in materia di famiglia sono investite da queste novità.

Tutta la documentazione  verrà inviata esclusivamente con modalità telematica.

Le parti inoltre procederanno alla sottoscrizione dell’accordo da remoto.

Si eviterà così, anche in questo caso, che gli ex coniugi si debbano incontrare.

6. Durata

Da ultimo, è bene ricordare che tutte queste misure hanno una validità eccezionale e saranno adottate  solo per il periodo di emergenza e comunque fino al prossimo 30 giugno 2020.

 

Per una consulenza personalizzata, non esitare a contattarci, anche via skype.