top of page

Contratto di locazione ad uso diverso dall’abitativo

Il contratto di locazione ad  uso diverso dall’abitativo è disciplinato dalla legge n. 392/1978, precisamente dall’art. 27 al 42.

Viene più comunemente chiamato contratto di locazione ad uso commerciale, poichè indica tutti quei casi in cui un immobile viene locato allo scopo di avviare o continuare un’attività:

  1.  industriale;

  2.  commerciale;

  3.  artigianale;

  4.  professionale;

  5.  turistica.

Articoli da inserire nel contratto e suggerimenti:

  1. Forma del contratto: non è previsto l’obbligo della forma scritta come per il contratto di locazione ad uso abitativo. La legge prevede la libertà della forma, ma è sempre meglio redigere il contratto in forma scritta per evitare successive controversie.

  2. Conduttore: se l’immobile locato è adibito ad attività  che produce profitto, il conduttore deve essere un imprenditore.

  3. Durata del contratto: minimo 6 anni se l’attività è a carattere commerciale o  9 anni in caso di albergo. Rinnovo tacito ed automatico alla scadenza di altri 6/9 anni.

  4. Diniego del rinnovo alla prima scadenza: il locatore può negare il rinnovo automatico del contratto. La legge individua i casi tassativi all’art. 29 (es. uso immobile per famiglia).

  5. Recesso: entrambe le parti possono recedere dal contratto dando un preavviso di almeno 12 mesi ( 18 mesi in caso di attività alberghiera) all’altra parte. La comunicazione deve essere redatta in forma scritta ed inviata con raccomandata A/R all’altra parte.

  6. Adeguamento Istat:  il contratto è soggetto all’adeguamento annuale del canone di locazione, nella misura massima del  75% della variazione istat registrata per l’anno di riferimento.

  7. Indennità per la perdita dell’avviamento: a tutela del conduttore. Se il locatore vuole interrompere o non rinnovare più il contratto al conduttore, il locatore dovrà versare una somma parti a 18 mensilità al conduttore (21 mensilità in caso di attività alberghiera). E’ nullo qualunque accordo che deroga a tale indennità.

Questi sono solo alcun aspetti del contratto di locazione ad uso commerciale.

E’ bene chiedere un parere al proprio avvocato per la redazione di un contratto ad hoc: sarà perfetto per le vostre esigenze  e vi eviterà future controversie.

Vi invito a leggere anche l’approfondimento sul contratto di locazione ad uso abitativo.

Kommentarer


bottom of page